Imparare il cinese: la via dell’indolenza

imparare il cinese

Vuoi conoscere il modo più veloce per imparare a scrivere i caratteri cinesi? Clicca qui!

Ecco il mio piano per imparare il cinese rapidamente, dove rapidamente non significa che ho intenzione d’imparare il mandarino in due mesi, bensì che intendo focalizzarmi su strategie che mi permettano di dedicare solo un’ora al giorno alla studio del cinese.

L’idea è quella di riuscire entro un anno a:

  • Leggere un quotidiano.
  • Capire cosa succede in un talk show cinese.
  • Essere in grado di avere una conversazione a velocità normale in mandarino.

Quest’articolo è principalmente ispirato alla mia esperienza personale – il cinese è la sesta lingua che sto imparando – e a una teoria chiamata ripetizione spaziata (SRS, spaced repetition software in inglese).

Se stai appena iniziando con il cinese o studi mandarino da tempo ma non hai mai sentito parlare di SRS dovresti almeno finire di leggere questo post per sapere quello che ti stai perdendo : – )

Il mio piano per imparare il cinese

Impegno

Mi reputo una persona abbastanza indolente. Se però pago per la palestra poi ci vado tre volte a settimana. Così ho pensato di usare la stessa tattica con le lingue e ho comprato un corso di cinese (Rocket Chinese).

Napoleon Hill suggerisce qualcosa di simile su Pensa e arricchisci te stesso.

L’idea di base è che ci impegniamo a concludere solo i progetti per i quali abbiamo investito abbastanza risorse, indipendentemente dal fatto che si tratti di tempo, soldi o faccia.

Questa è la ragione per cui ho anche deciso di impegnarmi pubblicamente e di aggiornarvi con i miei progressi qui sul blog.

Immersione

Mi costringerò a guardare almeno due ore di televisione cinese a settimana (si spera un buon film), riempirò la memoria del mio iPod di musica cinese (fino adesso possiedo solo qualche album dei Fenghuang Chuanqi ma si accettano suggerimenti).

Inoltre tenterò di rispondere in cinese anche quando la gente tenta di passare all’inglese per la mia manifesta incapacità di comunicare in mandarino (escluso quando sono a lavoro, dove devo parlare inglese).

Contesto

Se dico “zucchero,” tu pensi “dolce.” Se invece dico “fuoco,” tu probabilmente penserai “fumo” o a un altro concetto che la tua mente associa al fuoco.

Il nostro cervello accede alle informazioni tramite connessioni. Questo significa che quando proviamo a memorizzare i caratteri cinesi uno per uno – anziché concentrarci su frasi di senso compiuto – stiamo rallentando il nostro processo d’apprendimento.

Non sto dicendo niente di nuovo, i bambini imparano a parlare tramite il “contesto.”

Nello studio del cinese questo concetto dovrebbe essere ancor più enfatizzato perché i caratteri cambiano significato a seconda del contesto in cui si trovano. Ecco un esempio: il carattere 小 significa “piccolo” mentre 心 significa “cuore.” Però quando vengono combinati formano la parola 小心, che significa “fare attenzione.”

Non si tratta di un’eccezione, questo è il modo in cui funziona il cinese: cambiando l’ordine degli addendi il prodotto cambia!

A questo punto dovrebbe risultare abbastanza ovvio che memorizzare i caratteri in maniera isolata non abbia molto senso. Eppure tanta gente s’intestardisce a studiare così. Non che lo trovi troppo strano, io per tanto tempo ho fatto lo stesso errore.

Memorizzare i 3,000 caratteri più comuni

Ho deciso di utilizzare Anki – un software a ripetizione spaziata (SRS) gratuito – sia per arricchire il mio vocabolario che per ripassare con una cadenza “intelligente,” quella appunto implementata da un algoritmo a ripetizione spaziata.

Per rispettare la regola del “contesto” utilizzerò un mazzo di flashcard chiamato Mastering Chinese Characters, composto da circa 14,000 frasi.

Smart.fm, la società che ha rilasciato il mazzo (lo puoi scaricare gratuitamente dalla base di dati di Anki), dichiara che il mazzo contiene il 98% dei caratteri utilizzati nei quotidiani. Il mazzo è composto quasi solo da frasi quindi conto di imparare questi benedetti 3,000 caratteri nel contesto che formano quando sono combinati con altri caratteri.

imparare il cinese velocementeLa schermata di Anki: a sinistra puoi vedere come si presenta una domanda sulla flashcard mentre a destra la risposta.

Valutazione dei risultati

Per raggiungere un obiettivo a lungo termine è di solito necessario porsi una serie di traguardi quantificabili a breve.

Il mio obiettivo settimanale è quello di memorizzare cinquanta flashcard (dal mazzo Mastering Chinese Characters), completare una lezione del mio corso di cinese, guardare un film e parlare il più possibile in cinese.

Mi do un mese di tempo per capire se questi “traguardi” vanno bene oppure se sia caso di modificarli.

Clicca qui per leggere la recensione dei corsi di cinese più popolari!

Cronaca della via dell’indolenza

Iscriviti e ricevi gli e-book, è gratis!
Iscriviti per ricevere l'e-Book "Come trovare lavoro e vivere in Cina" e il "Frasario da Viaggio Cinese/Italiano." E' gratis e non facciamo spam ; )
Ti è piaciuto l'articolo? Please aiutaci a spargere la voce...

Commenti

  1. Leti dice

    Es un buen plan, sobre todo porque vas a tener esa cabecita ocupada por unos meses! Interesante lo de Anki, gracias ;)

  2. Jacopo dice

    In effetti ho domani l’esame di cinese di base e da settembre sono in Cina a studiare.. beccato! xD

        • dice

          Bene, tra qualche settimana su Sapore di Cina esce un’intervista con Marco, il leader del gruppo TED di Hangzhou, magari vi metto in contatto ; )

          • Jacopo dice

            Allora aspetto quest’intervista ;)
            Solo scusa l’ignoranza, ma cos’è il TED? :D

  3. dice

    @Jacopo Haha you are funny : P

    Estratto dall’intervista:

    Furio:

    Quasi sempre, quando parlo di TED in Italia mi chiedono se si tratta di una marca di prosciutti o dell’ultimo film dei Vanzina. Cos’è TED?

    Marco:

    Se fosse una marca di prosciutti sarebbe un successone per gli italiani in Cina. In realtà, se posso azzardare, è qualcosa di più di un prosciutto. Ma è veramente difficile definire TED, ho sempre trovato più semplice dare il link e lasciare alle persone la libertà della scoperta

  4. fily1212 dice

    Sono di origini cinesi, ho 16 anni e conosco solo l’italiano.
    Mi sono iscritto a un corso ma appunto il difficile è memorizzare i caratteri.

    • Furio dice

      Ciao Fily,

      ti ho risposto sul commento che hai lasciato sull’altro articolo. Grazie per i commenti , )

  5. Giacomo dice

    Ciao Furio, sono pienamente daccordo a meta’ con te… i caratteri a uno a uno servono a poco ….. ma nessuno a nessuno ancora meno….. mi piacerebbe fare due chiacchiere con te, se mi rispondi per mail mandami il tuo numero o il tuo skype ci sentiamo per una chiacchierata disconnettente, ciao

    • Furio dice

      Ciao Giacomo,

      grazie per il commento.

      Sto partendo in Vietnam per un po’ di sano backpacking quindi nelle prossime settimane non penso avrò tempo di connettermi a Skype.

      Però ci possiamo risentire quando torno, a metà agosto.

      Per quanto riguarda il tuo commento (ma nessuno a nessuno ancora meno), penso tu ti riferisca al fatto che sia meglio studiare in maniera poco efficiente che non studiare del tutto. E sono d’accordo.

      Però perché continuare a studiare “carattere per carattere” quando ormai è assodato che un approccio top-down (cioè partendo da un contesto ben definito per poi arrivare ai singoli caratteri) funziona meglio?

  6. litz88 dice

    Ciao!
    Anch’io spesso mi definisco indolente come te… se conosco un po’ l’inglese devo solo ringraziare la mia professoressa del Liceo che cercava in tutti i modi di farmi bocciare… Iniziai l’estate in cui mi diede il debito (si usava così fino a qualche anno fa). Ero infuriata, così decisi di non studiare. Quell’estate non me la sarei rovinata per lei. Così, ci fu il caso che a luglio uscisse il sesto libro di Harry Potter, e che si dovesse aspettare fino a befana dell’anno successivo per la traduzione. Una mia amica mi aveva detto che conosceva un bambino di 10 anni che si era letto tutti i libri di HP in originale… “E che diamine – mi dissi – me lo leggo anch’io, se non altro così non posso dire di non aver fatto inglese quest’estate!” Spesi quasi 30 euro per quel libro, le prime 50 pagine le lessi in un mese, il resto in una settimana: avevo realizzato quanto fosse più bello in originale! In barba alla professoressa di inglese: lei non lo ammise mai apertamente, ma avevo un lessico superiore a quello dei miei compagni, anche perché nel frattempo sperimentai l’ascolto di film americani (in originale con sottotitoli) dai primi DVD che erano pervenuti in casa. Apprezzai tantissimo la recitazione delle star. Ovviamente la professoressa non mi ha mai dato la sufficienza, ma io leggo libri in originale e mi chiedo se lei sia veramente in grado di farlo! Poco dopo la maturità per esempio lessi Da Vinci Code, che in italiano non riuscivo proprio a mandar giù…
    Capisco le tue tribolazioni perché sono un po’ anche le mie. Spero solo di trovare un lavoro che mi permetta di andare all’estero come fai tu :-) Non ti arrendere con il cinese, perché penso che tu sia vicino al punto di svolta: se tieni duro vedrai che tra poco tempo capirai quanto sia semplice ed affascinante anche quest’ultima lingua con cui stai lottando.
    Good luck!!!

    • Furio dice

      CIao Litz,

      grazie per il commento! Sì, leggere libri in lingua originale è uno dei modi migliori per perfezionare una lingua straniera. Purtroppo se non hai abbastanza basi diventa un lavoro di traduzione tediosissimo.

      Ti spiego, se mi mettessi a leggere un libro in cinese adesso perderai ore per ogni pagina, quindi penso che dovrò aspettare ancora un po’.

      Andare all’estero oggi giorno non è difficile, buona fortuna anche a te : )

  7. Giulia dice

    Ciao Furio,
    mi chiamo Giulia e studio cinese all’università da circa un anno: me ne sono innamorata a prima vista ma certi giorni proprio lo odio!
    Oggi era uno di quei giorni e grazie al tuo blog la giornata ha cambiato aspetto!
    Grazie per i consigli e tutte le risorse del web che hai elencato, davvero utili!
    Buona giornata

    • Furio dice

      Sì, il cinese è così. Lo ami e lo odi, come una bella donna un po’ viziata.

      Grazie per il commento, mi fa piacere sapere di averti regalato un sorriso : )

      Continua a studiare e, ogni tanto, a scrivere su Sapore di Cina : P

  8. dice

    Ciao!! Ho trovato il tuo blog tramite “non voglio lavorare”, un sito in cui mi rispecchio perfettamente (specie da quando mi sono licenziata da un lavoro ‘vero’ in ufficio per rincorrere il mio sogno di fare un phd negli USA).
    E l’articolo e’ molto carino! Io ho studiato un po’ il Cinese in Italia ma credo che ora come ora sarei giusto capace di chiedere ad un pechinese se vuole un te, e lo farei sbagliando i toni…
    In bocca al lupo!!!!

    Giupy

    • Furio dice

      Ciao Giupy,

      fare un PhD di questi tempi è di per sé una scelta coraggiosa : P

      A presto,

      Furio

  9. Anaksunammun dice

    Caro Furio,

    da ieri notte (post cena annaffiata da rossi e bianchi) non faccio che leggerti e ormai mi sembra quasi di conoscerti un po’ :)
    Siccome la vita è tutta una casualità, sembrerebbe che io da violinista abbia la possibilità a breve di vivere a Pechino per tre mesi suonando. Visto che mi piacciono le esperienze a tutto tondo, mi sto informando per seguire un corso di cinese sul posto, potresti consigliarmi una scuola in particolare? Per ora cercando su internet ho trovato solo pacchetti di agenzie super costose, anche se, io mi ero fatta l’idea che la Cina non fosse cara come l’Europa, ma da quel poco che ho potuto leggere in questa nottata, mi pare che non sia esattamente così.. Quindi se hai qualche dritta da darmi ti sarei enormemente grata. Se va in porto il progetto sarei davvero contentissima, wow, la Cina!!!
    Ti ringrazio anticipatamente e grazie per il tuo blog, una fonte d’ispirazione!

    • Furio dice

      Ciao,

      se restassi più a lungo ti consiglierei un corso in università visto che normalmente costano meno. Però per tre mesi l’unica soluzione a livello di scuola è quella di contattare una scuola privata.

      Un’altra cosa che potresti fare sarebbe quella di trovarti un tutor cinese. Io sono a Shanghai, quindi su Pechino non posso aiutarti troppo. Ti consiglio di contattare Luna (insegna cinese all’università, qui trovi la sua email http://www.saporedicina.com/insegnare-cinese-ai-diavoli-bianchi/ ) e vedere se è disponibile o se può trovarti un altro tutor.

  10. Alessandro dice

    Ciao,
    questo metodo che consigli per imparare il cinese è adeguato anche per chi è un neofita completo?

    Voglio dire, io non conosco nulla dell’alfabeto, dei caratteri, nulla… xD Anki insegna anche basi come questa, o consigli altro materiale, prima?

    Grazie ^^

  11. Marzia dice

    Ciao sono giorni che leggo il tuo blog :) complimenti molto interessante. Ti volevo chiedere una cosa a gennaio mi vorrei trasferire a Shanghai per imparare il cinese e fare un esperienza di vita. Mi volevo iscrivere a un corso oppure all’ università anche perchè ho visto che per avere il visto devo essere iscritta a un corso prima di partire. Mi sapresti dare qualche consiglio? Come posso iscrivermi a un corso da qui?? vorrei stare almeno sei mesi..
    Grazie mille :)

    • dice

      Punta sulle università. Costano di meno e ti garantiscono in visto. Fai una ricerca su google, visita i siti e scrivi direttamente a loro per capire come iscriversi!

  12. DaXiong dice

    Ciao, grazie per quello che fai con il tuo blog, avresti da consigliarmi qualche istituto per imparare il cinese nella provincia di hubei? o nei paesi limitrofi a beijing? o comunque da darmi qualche retta, grazie

  13. Miriam dice

    Ciao! Molto bello il blog, complimenti. Non so bene in che sezione del blog scrivere. Sto facendo la tesi su “Il libro bianco di internet” ossia un rapporto del governo cinese sulla situazione della rete in Cina. Cercando informazioni ho visto che esistono molti libri bianchi e anche di altri colori (ad esempio il libro blu). Vorrei capirne di più sull’argomento ma è difficile. Ne sapete qualcosa? Vi è capitato di leggere qualcosa in merito? (anche in inglese) Grazie in anticipo! Ciao a tutti

  14. Xander dice

    Ciao Furio,
    complimenti innanzitutto per il blog. Ormai sono 4 anni che studio il cinese e, a parte una breve parentesi a Pechino, sono sempre rimasto in occidente. Ora è giunto finalmente il momento di impararlo per davvero e non solo per passare degli esami. Mi sapresti dare una dritta? Io vorrei stare via almeno un anno e provare a lanciarmi in una full immersion linguistica.
    Grazie per tutto l’aiuto che mi saprai dare.

    • Furio dice

      Hmm se non mi fai una domanda specifica, quello che ti direi sarebbe esattamente quello che c’è scritto nell’articolo!

      • Xander dice

        Hai perfettamente ragione ma una domanda specifica è difficile. Provo a spiegarmi meglio: vorrei evitare di finire in mezzo ad altri occidentali in modo da non rovinare l’esperienza linguistica in partenza ma allo stesso tempo non vorrei finire in qualche cittadina sperduta dell’entroterra cinese; prenderei volentieri in considerazione un’eventuale permanenza in una famiglia del luogo così da esercitarmi anche con il cinese della quotidianità. L’obiettivo finale dovrebbe essere anche l’ottenimento dell’HSK 6, per un questione di CV. Una domanda banale potrebbe essere: come posso convogliare tutti gli elementi che ti ho elencato in un’unica esperienza?

        • Furio dice

          OK, ti consiglio di evitare Pechino, Shanghai, Shenzhen e Guangzhou. Città come Hangzhou, Nanjing o Tianjin a mio parere andrebbero bene in quanto si tratta di metropoli moderne ma gli occidentali devi andarteli a cercare.

  15. Limei dice

    Ciao Furio,
    innanzitutto molto bello il tuo blog :) Ti scrivo per chiedere un consiglio! Praticamente sono una ragazza di origine cinese, ma del cinese proprio non so quasi nulla! Sono praticamente cresciuta in Italia. Ho fatto solo mezzo anno di elementare in Cina per cui la mia conoscenza del cinese è proprio un disastro ( Capisco il cinese abbastanza bene perchè mi vedo i film, ma non so leggere e nè scrivere). Quest’ anno sono al quinto liceo e l’anno prossimo vorrei andare in università a studiare il cinese. Mi chiedevo se era possibile laurearsi direttamente in Cina in un università dove mi insegnano il cinese a partire dalle basi intendo. Se è possibile mi sapresti indicare dei nomi di queste università? E oltre al cinese che corsi si devono tenere in quelle università? Grazie in anticipo!!

    • Furio dice

      Sì, Beiwai a Pechino, ad esempio. Se dai un’occhiata al menu principale trovi un articolo chiamato “Studiare Cinese in Cina”. Inizia da lì!

      • Limei dice

        Mmm mi sapresti dire che materie oltre al cinese si deve fare? Beiwai è un università dove si insegna il cinese da zero proprio?

        • Furio dice

          Penso che sia possibile studiare solo cinese; per i dettagli informati presso l’università. Penso inoltre che non sia affatto l’unica università che offre corsi del genere.

  16. Limei dice

    Scusami se ti disturbo ancora.. Ma se dovessi conseguire La laurea in lingue nella BLCU, mi sapresti dire più o meno le spese che dovrò sostenere? E se volessi conseguire questa laurea, sarò obbligare a seguire altri corsi oltre il cinese? Grazie in anticipo!

  17. effe dice

    Intanto grazie per il blog.
    Ho scaricato skritter su ipad e mi sono creato un account. Adesso scade la settimana e voglio iscrivermi. Però se vado sul link e metto il coupon “FURIO3952″ esce il messaggio “General error. This coupon may not be used again afetr sign up”
    consigli?
    ciao!

    • Furio dice

      Ciao effe… penso che avresti dovuto aggiungere il coupon al momento dell’iscrizione! Puoi riprovarci iscrivendoti con un altro account?

      Fammi sapere come va, nel caso non funzioni neanche così contatto Skritter personalmente per avere spiegazioni

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *